Sesto Incontro con il Medioevo a Legnarello

Grande Atmosfera a San Bernardino con Bartoletti e Guglielmi
22 marzo 2018
Festa di Primavera
22 marzo 2018
Mostra tutti

Sesto Incontro con il Medioevo a Legnarello

SESTO INCONTRO CON IL MEDIOEVO A LEGNARELLO

 

 

Il nostro viaggio alla scoperta dell’epoca buia che in realtà fu tutt’altro rispetto a quello che comunemente ci immaginiamo è ormai prossimo al termine: siamo infatti giunti al sesto incontro del ciclo di conferenze “ISOTTA, BELZEBÙ E SORELLA MORTE. IL MEDIOEVO TRA CONTAMINAZIONE E MODERNITÀ.” che da metà Gennaio, ogni quindici giorni, ci ha dimostrato quanto il Medioevo fosse un’epoca ricca di scambi e inventiva; spesso anche…pericolosi.

Il prossimo appuntamento è fissato per VENERDÌ 23 MARZO 2018 alle ORE 20.45 nella SALA D’ARMI del MANIERO. Incontro che precederà la LECTIO MAGISTRALIS, organizzata in collaborazione con la Fondazione Famiglia Legnanese, DI VENERDÌ 6 APRILE 2018 Del professor Paolo Grillo, docente di Storia Medioevale presso l’Università degli Studi di Milano che si terrà presso la sede della Famiglia Legnanese in Via G. Matteotti 3 a Legnano e che concluderà le nostre serate dedicate all’epoca di mezzo.

L’INGRESSO È LIBERO E GRATUITO.

Venerdì 23 Marzo 2018
Death becomes Her. Morte, ritualità e quotidianità nel Medioevo.
RELATORE:Sara Piccolo Paci, F.I.T. New York/PoliModa Firenze

“Oggi come ieri, la Morte è maestra nell’indurci in riflessioni profonde su chi siamo davvero. La nostra società, basata sull’apparenza, spesso rifiuta la morte e preferisce non pensarci. Tuttavia, negli ultimi anni, moda, cinema e libri vedono la Morte protagonista. Morte, Moda e Letteratura sono legate già da lunghissimo tempo ed è proprio nel Medioevo che questo legame diventa più diretto e coinvolgente. Attraverso le immagini macabre dell’arte medievale e i poemi del tempo, percorreremo un sentiero che ci condurrà – con qualche sorpresa e riflessione – fino ad oggi.”

SARA PICCOLO PACI

Storica del costume e della moda. Docente presso numerose università tra le quali: Fashion Institute of Technology di New York, PoliModa, Istituto Europeo del Design e Kent State University – Sede di Firenze. I suoi interessi di studio vertono principalmente attorno all’interazione tra corpo e società attraverso i secoli e su questo tema portante ruotano sia la sua attività di docente (Storia del Costume, dell’Arte e della Moda, Antropologia Culturale e Storia del Cristianesimo) sia quella di consulente di storia del costume e di sartoria storica, nonché quella di saggista. Ha pubblicato numerosi saggi e libri, tra i quali “Parliamo di Moda – Manuale di storia del costume e della moda”, “Storia delle Vesti Liturgiche” e, il più recente, “Rosa sine spina – I fiori simbolo di Maria tra Arte e Mistica”

ROMANZO DELLA SERATA presentato da Amanda Colombo de “La Galleria del Libro” IL VELO DI AGATA di Chiara Aurora Giunta, ed. Neri Pozza (2008)
La giovanissima e sensuale bizantina, Agata de’ Greci, viene contesa da un raffinato emiro e da un cavaliere normanno nella Sicilia ricca di messi e di culture dell’XI secolo. In questa oasi dorata, dove si mischiano il sapere di arabi, di ebrei, di greci e la vita è godimento, un figlio della colpa è travolto dalle intemperie della storia. E che Storia: in cinquant’anni (1047-1097) di tradimenti, di sangue e di imbrogli sulle sponde del mare di mezzo, il Mediterraneo, nascono i Templari, il cui mistero è tramandato fino ai giorni nostri. Personaggi sconosciuti e personaggi di eccelsa fama si incontrano, si amano, si odiano all’ombra di avvenimenti destinati a cambiare il corso dei secoli: il gran Maestro, capo di una confraternita esoterica; la variegata, agguerrita famiglia degli Altavilla, decisa a impadronirsi dell’isola per controllare i commerci e i pellegrinaggi verso l’Oriente; la prima donna medico del millennio, Trotula de’ Ruggero; la reliquia dai poteri miracolosi (il velo della martire cristiana Agata), per il possesso della quale si intrecciano trame e congiure; nove monaci benedettini condannati all’esilio dalla Normandia e fondatori di monasteri tra la Calabria e la Lorena; Matilde di Canossa presa fra il suo amore impossibile per Il debrando di Soana (colui che diverrà papa con il nome di Gregorio VII) e la sete di potere; il ritrovamento di antichi papiri in cui sono racchiuse verità pericolose per la Chiesa di Roma; la prima crociata e lo straordinario falso alla base dell’ordine templare. Dopo mezzo secolo di umane vicende, nelle quali il riso si alterna alle lacrime, il richiamo della carne al richiamo della fede, la predicazione di Pietro l’Eremita per la liberazione del Santo Sepolcro costringe protagonisti e comprimari al passo finale. Sotto il Tempio di Salomone li aspetta il segreto che muterà il corso degli eventi.

RICORDIAMO INOLTRE LA POSSIBILITÀ DI:

Seguire la conferenza in diretta sulla pagina facebook della Contrada, grazie alla collaborazione con “Sa.Ga. Multimedia s.r.l Acquistare per chi non lo avesse già prenotato il volume che raccoglie i contributi della decima edizione delle conferenze, edito da Lubrina Editore (Bergamo).