CIAO SOPRAN: CAVALLO DEL PALIO!!

News N.7
8 dicembre 2017
Collaborazione tra la Contrada Legnarello e il mondo della scuola
10 dicembre 2017
Mostra tutti

CIAO SOPRAN: CAVALLO DEL PALIO!!

Una triste notizia colpisce il mondo del Palio e tutti i suoi appassionati: si è spento il cavallo Sopran Cristinelli.
Nel curriculum di questo fortissimo cavallo quattro apparizioni a Legnano, datate 2002, 2003, 2004 e 2007, sempre con la Contrada Legnarello, e una vittoria al Palio di Feltre montato da Franco Casu.
Arrivato all’età di 22 anni, Sopran Cristinelli, cavallo astigiano capace di regalare il Palio al Borgo Tanaro nel 2002. Debuttante ad Asti nel Palio del 2000 con Nizza Monferrato, Sopran Cristinelli aveva raggiunto la sua prima finale in Piazza Alfieri un anno più tardi piazzandosi terzo per Moncalvo. Nel 2002 fu poi ingaggiato da Tanaro che lo affidò alle mani di Martin Ballesteros, formando così l’accoppiata capace di vincere il Palio di quell’anno. Sempre per Tanaro, Sopran Cristinelli tagliò per primo il traguardo anche l’anno successivo, nel 2003, prima che la squalifica al fantino Ballesteros privasse della vittoria i biancoazzurri. L’ultima apparizione di Sopran in Piazza Alfieri è invece datata 2006 quando, sempre con Tanaro e questa volta montato da un giovane Sandro Gessa, chiuse la sua carriera.
Di seguito il toccante comunicato con il quale il Borgo Tanaro Trincere Torrazzo ha voluto salutare un pezzo della propria storia:
Se ne va un pezzo di Storia del nostro Borgo, non ti dimenticheremo mai Sopran. Con te in Piazza si aveva la sensazione di essere invincibili. Eri uno di noi, con un caratteraccio, ma con un grande cuore. Abbiamo ancora negli occhi l’ultimo passaggio del 2002 davanti alla tribuna Catena, mentre tutto il popolo stava già entrando in pista per assaporare quella vittoria che ci ha dato una gioia che mai più si potrà ripetere. Ci vengono le lacrime agli occhi se pensiamo a quella batteria nel 2003 quando hai driblato tutti da solo senza fantino. E sento ancora nelle orecchie il boato del nostro popolo quando ti ha visto passare scosso verso la finale, quando tutto sembrava compromesso, con il tuo numero 1 sulla coscia! Ieri 21, oggi 1, questo era il nostro motto dopo la vittoria. Grazie a te siamo passati da ultimi a primi. Come nella finale del 2003, quando in una curva ribaltasti l’esito di una corsa. Eri invincibile in pista, e ora lo sei nei nostri ricordi. Galoppa e tira forte anche lassù!!”